Apri il menu principale


romano cento volte maggior della velocità del moto della balla. Ora fermatevi bene nella fantasia, come principio vero e notorio, che la resistenza che viene dalla velocità del moto compensa quello che depende dalla gravità d’un altro mobile: sì che, in conseguenza, tanto resiste al l’esser frenato un mobile d’una libbra, che si muova con cento gradi di velocità, quanto un altro mobile di cento libbre, la cui velocità sia d’un grado solo; ed all’esser mossi due mobili eguali resisteranno egualmente, se si avranno a far muovere con egual velocità; ma se uno doverà esser mosso più velocemente dell’altro, farà maggior resistenza, secondo la maggior velocità che se gli vorrà conferire. Dichiarate queste

Galileo Massimi Sistemi - II giornata - 15.gif

cose, venghiamo all’esplicazion del nostro problema; e per più facile intelligenza facciamone un poco di figura. E siano due ruote diseguali intorno a questo centro A, e della minore sia la circonferenza BG, e della maggiore CEH, ed il semidiametro ABC sia eretto all’orizonte, e per i punti B, C segniamo le rette linee tangenti BF, CD, e ne gli archi BG, CE sieno prese due parti eguali BG, CE; ed intendasi le due ruote esser girate sopra i lor centri con eguali velocità, sì che due mobili, li quali sariano, v. g., due pietre, poste ne’ punti B e C, vengano portate per le circonferenze BG, CE con eguali velocità, talchè nell’istesso tempo che la pietra B scorrerebbe per l’arco BG, la pietra C passerebbe l’arco CE: dico adesso che la vertigine della minor ruota è molto più potente a far la proiezion della pietra B, che non è la vertigine della maggior ruota della pietra C.

Imperocchè dovendosi, come già si è dichiarato, far la proiezione per la tangente, quando le pietre B, C dovessero separarsi dalle lor ruote e cominciare il moto della proiezione da i punti B, C, verrebbero dall’impeto concepito dalla vertigine scagliate per le tangenti BF, CD: per le tangenti dunque BF, CD hanno, le due pietre, eguali impeti di scorrere, e vi scorrerebbero se da qualche altra forza non ne fussero deviate. Non sta così, Sig. Sagredo?


Sagredo

Cosí mi par che cammini il negozio.


Salviati

Ma qual forza vi par che possa esser quella che devii le pietre dal muoversi per le tangenti, dove l’impeto della vertigine veramente le caccia?


Sagredo