Apri il menu principale


la verità è che l’acqua, con la sua gran resistenza all’esser aperta dal corpo del vassello, con gran fremito gli contrasta, né gli lascia concepir a gran pezzo quella velocità che il vento gli conferirebbe, quando l’ostacolo dell’acqua non vi fusse. Voi, signor Simplicio, non dovete mai aver posto mente con qual furia l’acqua venga strisciando intorno alla barca, mentre ella velocemente spinta da i remi o dal vento, scorre per l’acqua stagnante; ché quando voi aveste badato a un tal effetto, non vi verrebbe ora in pensiero di produr simil vanità: e vo comprendendo che voi siate sin qui stato del gregge di coloro che per apprender come passino simili negozi e per acquistar le notizie de gli effetti di natura, e’ non vadano su barche o intorno a balestre e artiglierie, ma si ritirano in studio a scartabellar gl’indici e i repertorî per trovar se Aristotile ne ha detto niente, ed assicurati che si sono del vero senso del testo, né piú oltre desiderano, né altro stimano che saper se ne possa.


Sagredo

Felicità grande, e da esser loro molto invidiata; perché se il sapere è da tutti naturalmente desiderato, e se tanto è l’essere quanto il darsi ad intender d’essere, essi godono di un ben grandissimo, e posson persuadersi d’intendere e di saper tutte le cose, alla barba di quelli che conoscendo di non saper quel ch’e’ non sanno, ed in conseguenza vedendosi non saper né anco una ben minimissima particella dello scibile, s’ammazzano con le vigilie, con le contemplazioni, e si macerano intorno a esperienze ed osservazioni. Ma di grazia torniamo a’ nostri uccelli: nel proposito de’ quali voi avevi detto che l’aria mossa con grandissima velocità poteva loro restituir quella parte del movimento diurno che tra gli scherzi de’ loro voli potessero avere smarrita; sopra di che io replico che l’aria mossa non par che possa conferire in un corpo solido e grave una velocità tanta quanta è la sua propria; e perché quella dell’aria è quanto quella della Terra, non pareva che l’aria fusse bastante a ristorar il danno della perdita nel volo de gli uccelli.


Salviati

Il discorso vostro ha in apparenza molto del probabile, ed il dubitar a proposito non è da ingegni dozinali; tuttavia, levatane l’apparenza, credo che in esistenza e’ non abbia un pelo piú di forza che gli altri già considerati e sciolti.


Sagredo

E’ non è dubbio alcuno, che quando e’ non sia concludente necessariamente, la sua efficacia non può esser se non nulla assolutamente, perché