Apri il menu principale


queste vanità, mentre in voi stesso avevi i sensi da confutarle e da intenderne il vero? Però ditemi: quella gran pietra e quella palla d’artiglieria che, posata solamente sopra una tavola, restava immobile contro a qualsivoglia impetuoso vento, secondo che voi poco fa affermaste, se fusse stata una palla di sughero o altrettanta bambagia, credete che il vento l’avesse mossa di luogo?


Simplicio

Anzi so certo che l’averebbe portata via, e tanto piú velocemente, quanto la materia fusse stata piú leggiera; ché per questo veggiamo noi le nugole esser portate con velocità pari a quella del vento stesso che le spigne.


Salviati

E ’l vento che cosa è?


Simplicio

Il vento si definisce, non esser altro che aria mossa.


Salviati

Adunque l’aria mossa molto piú velocemente e ’n maggior distanza traporta le materie leggierissime che le gravissime?


Simplicio

Sicuramente.


Salviati

Ma quando voi aveste a scagliar col braccio un sasso, e poi un fiocco di bambagia, chi si moverebbe con piú velocità e in maggior lontananza?


Simplicio

La pietra assaissimo; anzi la bambagia mi cascherebbe a i piedi.


Salviati

Ma se quel che muove il proietto, doppo l’esser lasciato dalla mano, non è altro che l’aria mossa dal braccio, e l’aria mossa piú facilmente spigne le materie leggiere che le gravi, come dunque il proietto di bambagia non va piú lontano e piú veloce di quel di pietra? bisogna pure che nella pietra resti qualche cosa, oltre al moto dell’aria. Di piú, se da quella trave pendessero due spaghi lunghi egualmente, e in capo dell’uno fusse attaccata una palla di piombo, e una di bambagia nell’altro, ed amendue si allontanassero egualmente dal perpendicolo, e poi si lasciassero in libertà, non è dubbio che l’una e l’altra si moverebbe verso ’l perpendicolo, e che spinta dal proprio impeto lo trapasserebbe per certo intervallo, e poi vi ritornerebbe. Ma qual di questi due penduli credete voi che durasse piú a muoversi, prima che fermarsi a piombo?


Simplicio

La palla di piombo andrà in qua e ’n là mille volte, e quella di bambagia dua o tre al piú.


Salviati

Talché quell’impeto e quella mobilità, qualunque se ne sia la causa, piú lungamente si conserva nelle materie gravi che nelle