Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei VII.djvu/184


Oltre che colui che lo lascia cadere, non l’ha a scagliare né dargli impeto col braccio, ma deve semplicemente aprir la mano e lasciarlo: e cosí, né per virtú impressagli dal proiciente, né per benefizio dell’aria, potrà il sasso seguire ’l moto della nave, e però resterà indietro.


Salviati

Parmi dunque di ritrar dal vostro parlare, che non venendo la pietra cacciata dal braccio di colui, la sua non venga altrimenti ad essere una proiezione.


Simplicio

Non si può propriamente chiamar moto di proiezione.


Salviati

Quello dunque che dice Aristotile del moto, del mobile e del motore de i proietti, non ha che fare nel nostro proposito; e se non ci ha che fare, perché lo producete?


Simplicio

Producolo per amor di quella virtú impressa, nominata ed introdotta da voi, la quale, non essendo al mondo, non può operar nulla, perché non entium nullæ sunt operationes; e però non solo del moto de i proietti, ma di ogn’altro che non sia naturale, bisogna attribuirne la causa motrice al mezo, del quale non si è avuta la debita considerazione; e però il detto sin qui resta inefficace.


Salviati

Orsú tutto in buon’ora. Ma ditemi: già che la vostra instanza si fonda tutta su la nullità della virtú impressa, quando io vi abbia dimostrato che ’l mezo non ha che fare nella continuazion del moto de’ proietti, dopo che son separati dal proiciente, lascierete voi in essere la virtú impressa, o pur vi moverete con qualch’altr’assalto alla sua destruzione?


Simplicio

Rimossa l’azione del mezo, non veggo che si possa ricorrere ad altro che alla facultà impressa dal movente.


Salviati

Sarà bene, per levare il piú che sia possibile le cause dell’andarsene in infinito con le altercazioni, che voi quanto si può distintamente spianiate qual sia l’operazione del mezo nel continuar il moto al proietto.


Simplicio

Il proiciente ha il sasso in mano; muove con velocità e forza il braccio, al cui moto si muove non piú il sasso che l’aria circonvicina, onde il sasso, nell’esser abbandonato dalla mano, si trova nell’aria che già si muove con impeto, e da quella vien portato: che se l’aria non operasse, il sasso cadrebbe dalla mano al piede del proiciente.


Salviati

E voi sete stato tanto credulo che vi sete lasciato persuader