Apri il menu principale


è: noi siamo in un dilemma, una parte del quale bisogna per necessità che sia vera, e l’altra falsa; perché tra ’l moto e la quiete, che son contradittorii, non si dà un terzo, sí che si possa dire: "La Terra non si muove, e non sta ferma; il Sole e le stelle non si muovono, né stanno ferme".


Sagredo

La Terra, il Sole e le stelle che cosa sono in natura? son cose minime, o pur considerabili?


Simplicio

Son corpi principalissimi, nobilissimi, integranti dell’universo, vastissimi, considerabilissimi.


Sagredo

E ’l moto e la quiete quali accidenti sono in natura?


Simplicio

Tanto grandi e principali, che la natura stessa per quelli si definisce.


Sagredo

Talché il muoversi eternamente e l’esser del tutto immobile sono due condizioni molto considerabili in natura ed indicanti grandissima diversità, e massime attribuite a corpi principalissimi dell’universo, in conseguenza delle quali non posson venire se non eventi dissimilissimi.


Simplicio

Cosí è sicuramente.


Sagredo

Or rispondetemi ad un altro punto. Credete voi che in dialettica, in rettorica, in fisica, in metafisica, in matematica, e finalmente nell’università de’ discorsi, sieno argomenti potenti a persuadere e dimostrare altrui non meno le conclusioni false che le vere?


Simplicio

Signor no; anzi tengo per fermo e son sicuro che per la prova di una conclusion vera e necessaria sieno in natura non solo una ma molte dimostrazioni potissime, e che intorno ad essa si possa discorrere e rigirarsi con mille e mille riscontri, senza intoppar mai in veruna repugnanza, e che quanto piú qualche sofista volesse intorbidarla, tanto piú chiara si farebbe sempre la sua certezza; e che, all’opposito, per far apparir vera una proposizion falsa e per persuaderla non si possa produrre altro che fallacie, sofismi, paralogismi, equivocazioni e discorsi vani, inconsistenti e pieni di repugnanze e contradizioni.


Sagredo

Ora, se il moto eterno e la quiete eterna sono accidenti tanto principali in natura, e tanto diversi che da essi non posson dependere se non diversissime conseguenze, e massime applicati al Sole ed alla Terra, corpi tanto vasti ed insigni nell’universo, ed essendo di piú impossibile che l’una delle due proposizioni contradittorie