Apri il menu principale


verrete a certificarvi che non per ignoranza o inesperienza si sono indotti a seguir tale opinione.


Sagredo

Egli è forza che con questa occasione io vi racconti alcuni accidenti occorsimi da poi in qua ch’io cominciai a sentir parlare di questa opinione. Essendo assai giovanetto, che appena avevo finito il corso della filosofia, tralasciato poi per essermi applicato ad altre occupazioni, occorse che certo oltramontano di Rostochio, e credo che ’l suo nome fosse Cristiano Vurstisio, seguace dell’opinione del Copernico, capitò in queste bande, ed in una Accademia fece dua o ver tre lezzioni in questa materia, con concorso di uditori, e credo piú per la novità del suggetto che per altro: io però non v’intervenni, avendo fatta una fissa impressione che tale opinione non potesse essere altro che una solenne pazzia. Interrogati poi alcuni che vi erano stati, sentii tutti burlarsene, eccettuatone uno che mi disse che ’l negozio non era ridicolo del tutto; e perché questo era reputato da me per uomo intelligente assai e molto circospetto, pentitomi di non vi essere andato, cominciai da quel tempo in qua, secondo che m’incontravo in alcuno che tenesse l’opinione Copernicana, a domandarlo se egli era stato sempre dell’istesso parere; né per molti ch’io n’abbia interrogati, ho trovato pur un solo che non m’abbia detto d’essere stato lungo tempo dell’opinion contraria, ma esser passato in questa mosso dalla forza delle ragioni che la persuadono: esaminatigli poi ad uno ad uno, per veder quanto bene e’ possedesser le ragioni dell’altra parte, gli ho trovati tutti averle prontissime, tal che non ho potuto veramente dire che per ignoranza o per vanità o per far, come si dice, il bello spirito si sieno gettati in questa opinione. All’incontro, di quanti io abbia interrogati de i Peripatetici e Tolemaici (che per curiosità ne ho interrogati molti), quale studio abbiano fatto nel libro del Copernico, ho trovato pochissimi che appena l’abbiano veduto, ma di quelli ch’io creda che l’abbiano inteso, nessuno: e de i seguaci pur della dottrina peripatetica ho cercato d’intendere se mai alcuno di loro ha tenuto l’altra opinione, e parimente non ne ho trovato alcuno. Là onde, considerando io come nessun è che segua l’opinion del Copernico, che non sia stato prima della contraria e che non sia benissimo informato delle ragioni di Aristotile e di Tolomeo, e che all’incontro nissuno è de’ seguaci di Tolomeo e d’Aristotile, che sia stato per addietro dell’opinione del