Apri il menu principale


naturalmente competere diversi movimenti, o pure che un solo convenga, che sia il suo proprio e naturale.


Simplicio

D’un mobile semplice un solo, e non piú, può essere il moto che gli convenga naturalmente, e gli altri tutti per accidente e per participazione; in quel modo che a colui che passeggia per la nave, suo moto proprio è quello del passeggio, e per participazione quello che lo conduce in porto, dove egli mai col passeggio non sarebbe arrivato, se la nave col moto suo non ve l’avesse condotto.


Sagredo

Ditemi, secondariamente: quel movimento che per participazione vien comunicato a qualche mobile, mentre egli per se stesso si muove di altro moto diverso dal participato, è egli necessario che risegga in qualche suggetto per se stesso, o pur può esser anco in natura senz’altro appoggio?


Simplicio

Aristotile vi risponde a tutte queste domande, e vi dice che sí come d’un mobile uno è il moto, cosí di un moto uno è il mobile, ed in conseguenza che senza l’inerenza del suo suggetto non può né essere né anco immaginarsi alcun movimento.


Sagredo

Io vorrei che voi mi diceste, nel terzo luogo, se voi credete che la Luna e gli altri pianeti e corpi celesti abbiano lor movimenti proprii, e quali e’ siano.


Simplicio

Hannogli, e son quelli secondo i quali e’ vanno scorrendo il zodiaco: la Luna in un mese, il Sole in un anno, Marte in dua, la sfera stellata in quelle tante migliaia; e questi sono i moti loro proprii e naturali.


Sagredo

Ma quel moto col quale io veggo le stelle fisse, e con esse tutti i pianeti, andare unitamente da levante a ponente e ritornare in oriente in ventiquattr’ore, in che modo gli compete?


Simplicio

Hannolo per participazione.


Sagredo

Questo dunque non risiede in loro; e non risedendo in loro, né potendo esser senza qualche suggetto nel quale e’ risegga, è forza farlo proprio e naturale di qualche altra sfera.


Simplicio

Per questo rispetto hanno ritrovata gli astronomi ed i filosofi un’altra sfera altissima senza stelle, alla quale naturalmente compete la conversion diurna, e questa hanno chiamata il primo mobile, il quale poi rapisce seco tutte le sfere inferiori, contribuendo e participando loro il movimento suo.


Sagredo

Ma quando, senza introdurr’altre sfere incognite e vastissime,