Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei V.djvu/351


a madama cristina di lorena. 347

e così par che suonino anco le parole, dicendosi: Ferma, Sole, fermati: che se fosse stato nel meridiano, o non occorreva ricercare il miracolo, o sarebbe bastato pregar solo qualche ritardamento. Di questa opinione è il Caietano, alla quale sottoscrive il Magaglianes, confermandola con dire che Iosuè aveva quell’istesso giorno fatte tant’altre cose avanti il comandamento del Sole, che impossibile era che fussero spedite in un mezo giorno: onde si riducono ad interpetrar le parole in medio caeli veramente con qualche durezza, dicendo che l’importano l’istesso che il dire che il Sole si fermò essendo nel nostro emisferio, ciò è sopra l’orizonte. Ma tal durezza ed ogn’altra, s’io non erro, sfuggirem noi, collocando, conforme al sistema Copernicano, il Sole nel mezo, ciò è nel centro de gli orbi celesti e delle conversioni de’ pianeti, sì come è necessarissimo di porvelo; perchè, ponendo qualsivoglia ora del giorno, o la meridiana o altra quanto ne piace vicina alla sera, il giorno fu allungato e fermate tutte le conversioni celesti col fermarsi il Sole nel mezo del cielo, ciò è nel centro di esso cielo, dove egli risiede: senso tanto più accomodato alla lettera, oltre a quel che si è detto, quanto che, quando anco si volesse affermare la quiete del Sole essersi fatta nell’ora del mezo giorno, il parlar proprio sarebbe stato il dire che stetit in meridie, vel in meridiano circulo, e non in medio caeli poi che di un corpo sferico, quale è il cielo, il mezo è veramente e solamente il centro.

Quanto poi ad altri luoghi della Scrittura, che paiono contrariare a questa posizione, io non ho dubbio che quando ella fusse conosciuta per vera e dimostrata, quei medesimi teologi che, mentre la reputali falsa, stimano tali luoghi incapaci di esposizioni concordanti con quella, ne troverebbono interpetrazioni molto ben congruenti, e massime quando all’intelligenza delle Sacre Lettere aggiugnessero qualche cognizione delle scienze astronomiche: e come di presente, mentre la stimano falsa, gli par d’incontrar, nel leggere le Scritture, solamente luoghi ad essa repugnanti, quando si avessero formato altro concetto, ne incontrerebbero per avventura altrettanti di concordi; e forse giu-

4. quale si sottoscrive — 13. sì come è necess.° di porvelo — 17. cielo, ove egli — 17-18. accomodato alle parole del testo sacro, oltre a quel — 23. Scrittura Sacra, che — 24. questa opinione, io — 30. le Scritture Sante, solamente

1. dicendosi: Fermati, Sole, fermati, s — 5. giorno fatto tante, s — 11. collocando secondo il sistema, G. Ma gli altri codici e la stampa leggono conforme al. — 15. piace vicino alla, s — 20. dire, Stetit, s — 27. interpetrazione molto ben congruente, e, G — interpretazioni molto ben congiunte, e, s —