Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei V.djvu/306

302 lettera a mons. piero dini

poi di questo spirito e di questa luce il corpo solare sia, come ho detto, un ricetto e, per così dire, una conserva che ah extra gli riceva, più tosto che un principio e fonte primario dal quale originariamente si derivino, parmi che se n’abbia evidente certezza nelle Sacre Lettere, nelle quali veggiamo, avanti la creazione del Sole, lo spirito con la sua calorifica e feconda virtù foventem aquas seu incubantem super aquas per le future generazioni; e parimente aviamo la creazione della luce nel primo giorno, dove che il corpo solare vien creato il giorno quarto. Onde molto verisimilmente possiamo affermare, questo spirito fecondante e questa luce diffusa per tutto il mondo concorrere ad unirsi e fortificarsi in esso corpo solare, per ciò nel centro dell’universo collocato, e quindi poi, fatta più splendida e vigorosa, di nuovo diffondersi.

Di questa luce primogenea e non molto splendida avanti la sua unione e concorso nel corpo solare, ne aviamo attestazione dal Profeta nel Salmo 73, v. 16: Tuus est dies et tua est nox: Tu fabricatus es auroram et Solem; il qual luogo vien interpetrato, Iddio aver fatto avanti al Sole una luce simile a quella dell’aurora: di più, nel testo ebreo in luogo d’aurora si legge lume, per insinuarci quella luce che fu creata molto avanti al Sole, assai più debile della medesima ricevuta, fortificata e di nuovo diffusa da esso corpo solare. A questa sentenza mostra d’alludere l’opinione d’alcuni antichi filosofi, che hanno creduto lo splendor del Sole esser un concorso nel centro del mondo de gli splendori delle stelle, che, standogli intorno sfericamente disposte, vibrano i raggi loro, li quali, concorrendo e intersecandosi in esso centro, accrescono ivi e per mille volte raddoppiano la luce loro; onde ella poi, fortificata, si reflette e si sparge assai più vigorosa e ripiena, dirò così, di maschio e vivace calore, e si diffonde a vivificare tutti i corpi che intorno ad esso centro si raggirano: sì che, con certa similitudine, come nel cuore dell’animale si fa una continua regenerazione di spiriti vitali, che sostengono e vivificano tutte le membra, mentre però viene altresì ad esso cuore altronde sumministrato il pabulo e nutrimento, senza il quale ei perirebbe, così nel Sole, mentre ab extra concorre il suo pabulo, si conserva quel fonte onde conti-

8. dove il corpo, M, Z — 9. creato il quarto, M, Z, A — 11-12. solare, e quindi, M — 14. primogenea nè molto, V, G2, Z, R, A — 16. Salmo 37, G — v. 17, G, V, M, G2, R, A; v. 73, Z — 30. quore, G, M, G2 — 32. quore, M, G2, F — 32-33. viene ad esso quore somministrato altro pabulo, M —