Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei V.djvu/302

298 lettera a mons. piero dini

renze molto più ciò si arebbe ottenuto dalla vera e reale, e nell’istesso tempo si sarebbe in filosofia guadagnato una cognizione tanto eccellente, qual è il sapere la vera disposizione delle parti del mondo; e trovandosi egli, per l’osservazioni e studii di molti anni, copiosissimo di tutti i particolari accidenti osservati nelle stelle, senza i quali tutti diligentissimamente appresi e prontissimamente affissi nella mente è impossibile il venir in notizia di tal mondana constituzione, con replicati studii e lunghissime fatiche conseguì quello che l’ha reso poi ammirando a tutti quelli che con diligenza lo studiano, sì che restino capaci de’ suoi progressi: tal che il voler persuadere che il Copernico non stimasse vera la mobilità della Terra, per mio credere, non potrebbe trovar assenso se non forse appresso chi non l’avesse letto, essendo tutti 6 i suoi libri pieni di dottrina dependente dalla mobilità della Terra, e quella esplicante e confermante. E se egli nella sua dedicatoria molto ben intende e confessa che la posizione della mobilità della Terra era per farlo reputare stolto appresso l’universale, il giudizio del quale egli dice di non curare, molto più stolto sarebb’egli stato a voler farsi reputar tale per un’opinione da sè introdotta, ma non interamente e veramente creduta.

Quanto poi al dire che gli autori principali che hanno introdotto gli eccentrici e gli epicicli non gli abbino poi reputati veri, questo non crederò io mai; e tanto meno, quanto con necessità assoluta bisogna ammettergli nell’età nostra, mostrandocegli il senso stesso. Perchè, non essendo l’epiciclo altro che un cerchio descritto dal moto d’una stella la quale non abbracci con tal suo rivolgimento il globo terrestre, non veggiamo noi di tali cerchi esserne da quattro stelle descritti quattro intorno a Giove? e non è egli più chiaro che ’l Sole, che Venere descrive il suo cerchio intorno ad esso Sole senza comprender la Terra, e per conseguenza forma un epiciclo? e l’istesso accade anco a Mercurio. In oltre, essendo l’eccentrico un cerchio che so ben circonda la Terra, ma non la contiene nel suo centro, ma da una banda, non si ha da dubitare se il corso di Marte sia eccentrico alla Terra, vedendosi egli ora più vicino ed ora più remoto, in tanto che

1. si sarebbe ottenuto, M, G2% Z, A — 3. la vera costituzione delle, M — 4. di tant’anni, V, G2, Z, A — 15-16. dedicatoria sa (sapca, A) che tal sua posizione (tal proposizione, Z) era, V, G2, Z, A — 19. interamente ed avvertentemente creduta, G2; internamente o veracemente creduta, A — 22. quanto che con, V, Z, A — 23. ammetterli, mostrandoceli, V, G2, Z, A — 26. noi esserne, M — 30. accade a, M — 32. se il cerchio di, M —