Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei V.djvu/296

292 lettera a mons. piero dini

dalla mia intenzione. E perchè alcuni di questi Padri, ed in particolare quest’istesso che ha parlato, se ne son venuti costà per far, come intendo, qualche altro tentativo con la sua copia di detta mia lettera, mi è parso non fuor di proposito mandarne una copia a V. S. Reverendissima nel modo giusto che l’ho scritta io, pregandola che mi favorisca di leggerla insieme col Padre Grembergiero Gesuita, matematico insigne e mio grandissimo amico e padrone, ed anche lasciargliela, se forse parrà opportuno a S.R. di farla con qualche occasione pervenire in mano dell’Illustrissimo Cardinal Bellarmino, al quale questi Padri Domenicani si son lasciati intendere di voler far capo, con isperanza di far, per lo meno, dannar il libro del Copernico e la sua oppinione e dottrina.

La lettera fu da me scritta currenti calamo; ma queste ultime concitazioni, ed i motivi che questi Padri adducono per mostrare i demeriti di questa dottrina, ond’ella meriti di essere abolita, mi hanno fatto veder qualche cosa di più scritta in simili materie: e veramente non solo ritrovo, tutto quello che ho scritto essere stato detto da loro, ma molto più ancora, mostrando con quanta circonspezione bisogni andar intorno a quelle conclusioni naturali che non son de Fide, alle quali possono arrivare l’esperienze e le dimostrazioni necessarie, e quanto perniciosa cosa sarebbe l’asserir come dottrina risoluta nelle Sacre Scritture alcuna proposizione della quale una volta si potesse aver dimostrazione in contrario. Sopra questi capi ho distesa una scrittura molto copiosa, ma non l’ho ancora al netto in maniera che ne possa mandar copia a V.S., ma lo farò quanto prima: nella quale, quel che si sia dell’efficacia delle mie ragioni e discorsi, di questo ben son sicuro, che ci si troverà molto più zelo verso Santa Chiesa e la dignità delle Sacre Lettere, che in questi miei persecutori; poi che loro proccurano di proibir un libro ammesso tanti anni da Santa Chiesa, senza averlo pur mai lor veduto, non che letto o inteso; ed io non fo altro che esclamare che si esamini la sua dottrina e si ponderino in le sue ragioni da persone cattolichissime ed intendentissime, che si rincontrino le sue posizioni con l’esperienze sensate, e che in somma non

3. con la seco copia, G — 7. padrone, e forse lasciargliela, se parrà, R; padrone, e forse lasciargliela e, se parrà, M1, Mgb.; padrone, e anco lasciargliela, se forse parrà, M2; padrone, ed anche lasciargliela, se parrà, H — 7-8. opportuno a V.S. Reverendissima, di farla, M1 — 15. cosa scritta di più, G, M2- — simil materia, R, M2 — 18. cognizioni, R, M, Mgb., H — 22. questi casi ho, R — 26. che ci troverà, R; che si troverà, M, Mgb. — 31-32. riscontrino, R, M, Mgb. — 32. posizioni corretto in proposizioni, R; proposizioni, M1ed in somma che (ch’e’, M2) non, R, M, Mgb., H —