Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei V.djvu/288

284 lettera

della Scrittura e obbligargli in certo modo a dover sostenere per vere alcune conclusioni naturali, delle quali una volta il senso e le ragioni dimostrative e necessarie ci potessero manifestare il contrario. E chi vuol por termine a gli umani ingegni? chi vorrà asserire, già essersi saputo tutto quello che è al mondo di scibile? E per questo, oltre a gli articoli concernenti alla salute ed allo stabilimento della Fede, contro la fermezza de’ quali non è pericolo alcuno che possa insurger mai dottrina valida ed efficace, sarebbe forse ottimo consiglio il non ne aggiunger altri senza necessità: e se così è, quanto maggior disordine sarebbe l’aggiugnerli a richiesta di persone, le quali, oltre che noi ignoriamo se parlino inspirate da’ celeste virtù, chiaramente vediamo ch’elleno son del tutto ignude di quella intelligenza che sarebbe necessaria non dirò a redarguire, ma a capire, le dimostrazioni con le quali le acutissime scienze procedono nel confermare alcune lor conclusioni?

Io crederei che l’autorità delle Sacre Lettere avesse avuto solamente la mira a persuader a gli uomini quegli articoli e proposizioni, che, sendo necessarie per la salute loro e superando ogni umano discorso, non potevano per altra scienza nè per altro mezzo farcisi credibili, che per la bocca dell’istesso Spirito Santo. Ma che quel medesimo Dio che ci ha dotati di sensi, di discorso e d’intelletto, abbia voluto, posponendo l’uso di questi, darci con altro mezzo le notizie che per quelli possiamo conseguire, non penso che sia necessario il crederlo, e massime in quelle scienze delle quali una minima particella e in conclusioni divise se ne legge nella Scrittura; qual appunto è l’astronomia, di cui ve n’è così piccola parte, che non vi si trovano nè pur nominati i pianeti. Però se i primi scrittori sacri avessero auto pensiero di persuader al popolo le disposizioni e movimenti de’ corpi celesti, non ne avrebbon trattato così poco, che è come

11. inspirate da Dio, chiaramente, Z, A, Pogg. — 14-15. confermare le loro conclusioni, Z — 16-17. avesse avuto principalmente la mira a persuader, G; avesse auto totalmente la mira a persuadere, G2; avesse la mira solamente di persuadere, Z; avesse la mira di persuadere, A, Pogg. — 18. necessarie per la cognizione delle cose divine e per la salute loro, e che superando, G — uman, G — 22-23. le notizie delle cose naturali che, G — 23-24. conseguire, non veggo come sia necessario, ancor che sia possibile, e massime, G — 24-25. una particella, G — 25. conclusioni diverse se, V, Pr., G1, A, Pogg. — 26-27. che non si trovano neppur (pur, Pogg.) numerati tutti i pianeti, A, Pogg. — 27. nominati altri pianeti se non sia il Sole e la Luna, G — 27-28. se primi scrittori avessero auto particolare intento di persuader, G — 27-29. se Moisè avess’avuto pensiero di persuader...celesti, non n’avrebbe trattato, Pr., G1