Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei V.djvu/261


sulle macchie solari. 257

sarà gradi 17.40’, feg 19.25’, eg 1.45’, fegq 21, gq 1.35’; ma la sua suttesa nel luogo μ sarà, 2765: e tanta apparirà la grossezza della macchia, la quale non arriva a esser tripla della apparente grossezza nel luogo di gq1.

perchè noi non veggiamo2 così manifestamente il vigor del lume reflesso il giorno, come la notte nella e nelle stelle, non apparendo niente il giorno e molto la notte, e non ci tocca a veder la reflession della Terra se non di giorno, però, tirati da una assai semplice prima apprensione, crediamo la reflession della Terra non esser comparabile a quella della , etc. Nel tempo che la reflession delle stelle è vivissima, la Terra è oscura; e quando la Terra è illuminata, parci di vedere il lume primario mediante la presenza del Sole3.

Drizzando 2 cannoni, uno verso la quasi piena e l’altro verso l’occidente subito dopo il tramontar del , e ricevendo sopra 2 carte il lume della e quello dell’aria prossima al corpo solare, si potrà vedere quanto il lume dell’aria si mostri più chiaro di quel della , e secondo che il Sole si andrà abbassando, si incontreranno 2 lumi della del crepuscolo egualmente chiari4.

se la fosse penetrabile5 dal lume del Sole, bisogneria che la fosse più diafana assai d’una nugola: ma la nugola è tanto diafana, che in 3 o 4 braccia di profondità non si scorge la sua opacità; ma ben si scorgerebbe nel vetro; onde la deverà esser infinitamente più trasparente del vetro6.

Io poi metto7 tanto poca difficoltà sopra i nomi, anzi pur so che è in arbitrio di ciascheduno d’imporgli a modo loro, che non farei caso a chiamarle stelle, e massime chiamandosi con tal nome anco le comete, li due fulgori del 1572 e del 1604, l’esalazioni cadenti e

18. dell’crepuscolo — 22. scorgerebe — 25. d’imporgli è sostituito a e massime dei primi introduttori ed osservatori delle cose, di nominarle, che è cancellato. — 27. fulgori è sottolineato. —
  1. Tomo cit., car. 45r
  2. Cfr. pag. 221, lin. 20 e seg.
  3. Tomo cit., car. 43ar.
  4. Tomo cit., car. 75r.
  5. Cfr. pag. 224, lin. 14 e seg.
  6. Tomo cit., car. 43ar.
  7. Cfr. pag. 229, lin. 16 e seg.