Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei V.djvu/203


intorno alle macchie solari ecc. 203

teso che le macchie siano immerse nella sustanza del Sole, ma ben ho replicatamente scritto a V. S., e, s’io non m’inganno, necessariamente concluso, che le siano o contigue al Sole o per distanza a noi insensibile separate da quello, è bene che io esamini le ragioni che Apelle produce per argomenti irrefragabili onde la di loro lontananza non piccola dalla solar superficie ci si faccia manifesta.

[fac.18, ver26; fac. 29, ver. 16. [pag. 49, lin.2]] Prende Apelle la sua ragione dal vedersi le macchie dimorar tempi ineguali sotto la faccia del Sole, e quelle che la traversano per la linea massima, passando per lo centro, dimorar più che quelle che passano per linee remote dal centro; e ne adduce l’osservazion di due, l’una delle quali dimorò giorni 16 nel diametro, e l’altra, passando alquanto lontana dal centro, scorse la sua linea in giorni 14. Or qui vorrei trovar parole di poter senza offesa di Apelle, il quale io intendo di onorar sempre, negare tale esperienza; perchè, avendo io circa questo particolare fatte molte e molte diligentissime osservazioni, non ho trovato incontro alcuno onde si possa concluder altro, se non che le macchie tutte indifferentemente dimorano sotto ’l [Macchie dimorano tempi uguali sotto ’l solar disco.]solar disco tempi eguali, che al mio giudizio sono qualche cosa più di giorni 14: e questo affermo tanto più resolutamente, quanto che sarà per avanti in potestà di ciascheduno il farne senza incomodo mille e mille osservazioni. E quanto alla particolare esperienza che Apelle ci propone, v’ho qualche scrupolo, per aver egli eletto nella prima osservazione non il transito di una macchia sola, ma di un drappello assai numeroso, e di macchie che molto si andarono variando di posizione tra di loro; dalle quali cose ne conseguita che tale osservazione, come soggetta a molte accidentarie alterazioni, non sia a bastanza sicura per determinare essa sola una tanta conclusione. Anzi gl’irregolari movimenti particolari di esse macchie rendono le osservazioni soggette a tali alterazioni, che non è da prender resoluzione se non dalla conferenza di molti e molti particolari: il che ho fatto sopra la moltitudine di più di 100 disegni grandi ed esatti, ed ho incontrate bene alcune piccole differenze di tempi ne i passaggi, ma ho anco trovato alternatamente esser non meno talor più

19. affermo io tanto, A, B; in B io è cassato. — 22. propone, ho, A; in B pare che e’ sia stato aggiunto. — 24. drapello, s — andorno (o andorono?) corretto in andarono, A; andarono, B, s — 32. ed ho trovato, A, B; in A trovato è corretto in incontrato, e in B in incontrate, nel!’uno e nell’altro codice di mano di Galileo. — 33. ma ho trovato, A —