Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei V.djvu/13


avvertimento. 13

All'appendice stessa, che ha numerazione a parte, fu poi premesso quest’occhietto:

«De | Maculis Solaribus | Tres Epistolae. | De iisdem et stellis circa Iovem | errantibus | Disquisitio | Ad Marcum Velserum | Augustae Vind. IIVirum Praef. | Apellis post tabulam latentis. | Tabula ipsa aliarumque observationum delineationibus | suo loco expositis.»;


e la seguente prefazione:


IACOBUS MASCARDUS

typographus1

LECTORI S.




Latentis Apellis Epistolas ac Disquisitiones hic tibi exponere necessarium om- nino duxi: illarum enim exemplaria perpauca ex Germania huc pervenere, pauca quoque in aliis regionibus audio fuisse distributa; quare difficilius ea perspicere perpendereque posses, ni hic exhiberem recusa; videre autem ac considerare ne- cesse erat, cum in praemisso Phoebeo volumine doctissimi Galilei crebra de illis mentio ac disquisitio intercedat. Indicibus inde notulis in eiusdem margine saepe iam indigitavi, quae harum Epistolarum ac Disquisitionum loca ac particulae in quaestionem ibidem venirent, et id quidem dupliciter diversoque charactere, habita primum ratione Augustanae, deinde huius meae editionis. Ad idem spectant ar- gumentum, eidem Illustrissimo Velsero mittuntur, meumque erat tibi ita satisfa- cere, ut hisce praedicto volumini additis quaecunque de solaribus maculis dicta sunt simul haberes, et fortasse quaecunque dici excogitarique possunt. Tuum iam erit, illis pro voto perfrui et solaribus contemplationibus exerceri: poteris namque sic vel alienis laboribus ac telescopio helioscopus fieri, illaque cognoscere quae omnem antiquitatem latuerunt. Vale.

Romae, Kalen. Februar. 16132.

  1. Nell'intenzione dei Lincei non era senza significato che questa prefazione alle scritture scheineriane si fingesse fatta dal tipografo. «Son stampate le prime d'Apelle .... e faremo forse che l'istesso stampatore dica averle aggiunte, come a V. S. parerà», scriveva il Cesi a Galileo il 14 dicembre 1612 (Mss. Gal., Par. VI, T. VIII, car. 187); e più esplicitamente il medesimo Cesi a Galileo, sotto il dì 28 dello stesso mese: «Per più gravità del negozio, l'aggiunta delle Apollee scritture si farà dallo stesso stampatore, e non dal bibliotecario che fa stampar quelle di V. S.».
  2. Di questa prefazione due bozze manoscritte, che presentano differenze non gravi tra di loro e in confronto della stampa, e sono ricche di correzioni, alcune, a quanto sembra, di mano di Federico Cesi ed altre di mano di Giovanni Faber, si trovano in due fogliettini non numerati, ciascuno di due carte, inscriti tra le car. 99 o 100 del cod. Volpicelliano A, del quale avremo occasione di discorrere tra breve (cfr. D. Berti, Antecedenti al processo Galileiano e alla condanna della dottrina Copernicana; negli Atti della R. Accademia dei Lincei, Serie terza, Memorie della classe di Scienze morali, storiche e filologiche; vol. X, 1883, pag. 63-64).