Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei V.djvu/128

128 istoria e dimostrazioni

altrui forse delle evaporazioni di quella, come, dico, cascano tutte tra ’l Sole e noi, e non in altra parte dell’aria? poi che ninna se ne scorge sotto la faccia della Luna, illuminata, nè si vede separata dal Sole, in aspetto oscuro o vero illustrata da i suoi raggi, come delle nugole accade, delle quali continuamente ne veggiamo dell’oscure e dell’illuminate, intorno al Sole ed in ogni altra parte dell’aria? Più, scorgendo noi la materia di tali macchie esser per sua natura mutabile, poi che senza regola alcuna s’aggregano fra di loro e si separano, qual virtù sarà poi quella che gli possa communicare e con tanta regola contemperar il movimento diurno, sì che mai preterischino di accompagnare il Sole, se non quanto un movimento comune a tutte e regolato le fa trascorrere in 15 giorni in circa il disco solare, dove che l’altre aeree impressioni trascorrono in minimi momenti di tempo non pur la faccia del Sole, ma spazii molto maggiori?

A simili ragioni, come molto probabili, risponder non si può senza introdur grand’improbabilità. Ma ci restano le dimostrazioni necessarie e che non ammettono risposta veruna: delle quali una è il vedersi quelle, nel tempo medesimo, da diversi luoghi della Terra e molto tra di loro distanti, disposte con l’istesso ordine e nelle parti medesime del Sole, sì come per varii rincontri di disegni ricevuti da [Sono lontanissime dalla Terra.] diverse bande ho potuto osservare; argomento necessario della lor grandissima lontananza dalla Terra: al che con ammirabil assenso si accorda il cader tutte dentro a quella fascia del globo solare che risponde allo spazio della sfera celeste che vien compreso dentro a i tropici o, per meglio dire, dentro a i due paralleli che determinano le massime declinazioni de i pianeti; il che non devo io credere che sia particolar privilegio della città di Firenze, dove io abito, ma ben devo stimare che dentro a i medesimi confini siano vedute da ogni altro luogo, quanto si voglia più australe o boreale. Di più, il non fare altra mutazione di luogo sotto il disco solare che quella universale e comune a tutte le macchie, con la quale in 15 giorni in circa lo traversano, e quelle piccole ed accidentarie secondo le quali tal ora alcune si aggregano ed altre si separano, necessariamente convince a porle molto superiori alla Luna; perchè altramente, come ben nota ancora Apelle, bisognerebbe che nel tempo tra ’l nascere e ’l tramontar del Sole tutte uscissero fuori del disco solare mediante la

12.in circa al disco, s —