Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei V.djvu/120

120 istoria e dimostrazioni

giorno in giorno; ed osservasi che gli spazii passati in tempi eguali dalla medesima macchia appariscono sempre minori, quanto più si trovano vicini alla circonferenza del Sole; e vedesi, diligentemente osservando, che tali diminuzioni ed incrementi, notati l’un dopo l’altro con l’interposizione di tempi eguali, molto proporzionatamente rispondono a i sini versi e loro eccessi congruenti ad archi eguali: il qual fenomeno non ha luogo in verun altro movimento che nel circolar contiguo all’istesso Sole; perchè in cerchii, ancor che non molto, lontani dal globo solare, gli spazii passati in tempi eguali incontro alla superficie del Sole apparirebbono pochissimo tra di loro differenti.

Il terzo accidente, che mirabilmente conferma questa conclusione, si cava da gl’interstizii che sono tra macchia e macchia, de i quali altri si mantengono sempre gli stessi, altri grandissimamente si agumentano verso le parti di mezo del disco solare, li quali furon avanti, e son poi dopo, brevissimi, ed anco quasi insensibili vicino alla circonferenza, ed altri pur si mutano, ma con mutazioni differentissime; tuttavia son tali, che simili non potrebbono incontrarsi in altro moto che nel circolare, fatto da diversi punti diversamente posti sopra un globo che in sè stesso si converta. Le macchie che hanno la medesima declinazione, cioè che sono poste nell’istesso parallelo, nel primo apparire par quasi che si tocchino, quando la lor vera distanza sia breve; che se sarà alquanto maggiore, appariranno ben separate, ma più vicine assai che quando si trovano verso il mezo del disco solare; e secondo che si discostano dalla circonferenza, vengono separandosi ed allontanandosi l’una dall’altra sempre più, sin che si trovano con pari distanze remote dal centro del disco, nel qual luogo è la lor massima separazione; d’onde partendosi, tornano di nuovo a ravvicinarsi tra di loro più e più, secondo che s’appressano alla circonferenza1: e se con accuratezza si noteranno le proporzioni di

9-10. in tempi eguali apparirebbono pocchissimo tra di loro differenti incontro alla superficie del Sole, B, s. In A Galileo aveva scritto dapprima: in tempi eguali apparirebbono pochissimo tra di loro differenti, quelli però che venissero notati nel disco del Sole; poi corresse conforme abbiamo dato nel testo. — 23. truovano, s — 25-27. In luogo di sin che...separazione, in A Galileo aveva scritto dapprima: sin che hanno passato una quarta di cerchio; poi cancellò, e sostituì sin che ’l centro del disco solare risponde al punto di mezo della loro distanza; da ultimo, cancellando ancora, corresse conforme alla lezione della stampa. —
  1. Quanto segue, da «e so con accuratezza» a «Le macchie poi che sono poste» (pag. 126, lin. 23), in A è aggiunto sopra alcuni fogli inseriti. Prima Galileo aveva continuato, di séguito a «circonferenza», così: «ma le macchie che son poste ecc.». In B l’aggiunta è stata trascritta al suo posto.