Pagina:Le opere di Galileo Galilei II.djvu/468