Apri il menu principale

Pagina:Le mille ed una notti, 1852, VII-VIII.djvu/775


361


dello sceik Ahmed, il tintore del Cairo,» e si precipitò nelle sue braccia. — Dimmi adesso,» ripigliò il mercante, «perchè hai lasciato il Cairo.» Maruf gli narrò tutta la sua avventura colla moglie Fatima la Megera, aggiungendo come si fosse salvato durante una bufera, e lo avesse un genio alla notte trasportato in quella città, deve gli abitanti avevanlo maltrattato. — Bisogna bene guardarvi,» disse il Koragia, «di far loro nota la verità; se diceste essere un genio che vi portò qui, vi prenderebbero per un uomo maledetto, e non vi permetterebbero di stabilirvi nella città; bisogna aggiustarla in altro modo. Prendete questi mille zecchini, e, montando domattina sulla mia mula, recatevi ai bazar, dove mi vedrete seduto tra i primi mercanti. Al vostro arrivo, io mi alzerò per venirvi incontro, e vi bacerò le mani dandovi i maggiori segni d’onore e rispetto; tal contegno da parte mia vi procurerà grande considerazione. Allora io proporrò che vi si ceda una bottega, ed avrò cura di farla riempire di merci. Vi farò poi conoscere i primi mercanti della città, ed in poco tempo vi troverete felice, ora che siete liberato della vostra Megera. —

«Maruf non sapeva trovar espressioni sufficienti onde attestare all’amico tutta la sua gratitudine. Al domani, il Kovagia gli mandò una superba mula riccamente bardata ed una borsa di mille zecchini, e la scena del bazar fu rappresentata com’erano intesi. — È dunque un buon mercadante!» dissero i Kovagia. — Come! se è un buon mercante?» rispose Alì; «è uno de’ primi dell’universo: v’hanno molti negozianti de’ quali è socio in Egitto, nell’Yemen, all’Indie, e sino alla China. Ha più magazzini che il fuoco non possa consumare; io non sono appetto di lui che un facchinuccio. Vedrete che uomo è quando imparerete a conoscerlo più intimamente. —

«Dietro simili assicurazioni, fatte coll’accento della verità, i mercanti concepirono la più alta idea di Maruf, talchè tutti un dopo l’altro l’invitarono a pranzo, ed il sindaco si sollecitò di fargli conoscere il prezzo corrente delle merci e delle varie produ-