Apri il menu principale

Pagina:Le confessioni di un ottuagenario I.djvu/392


capitolo ottavo. 365

Questa era una qualità singolarissima della sua indole, la quale purchè fosse certa di far contento alcuno, a nessuna opera, per quanto difficile e schifosa, si sarebbe rifiutata. Se uno storpio, uno sciancato, un mostro avesse mostrato desiderio d’ottenere un suo sguardo lusinghiero, tosto ella glielo avrebbe donato così amorevole, così lungo, così infocato, come al vagheggino più lindo e lucente. Era generosità, spensieratezza o superbia? Forse questi tre motivi si univano a renderla tale; per cui non ebbe dintorno essere tanto odioso e spregevole, che con un’attitudine di preghiera non ottenesse da lei confidenza e pietà, se non affetto e stima. Perfino con Fulgenzio si addomesticava talvolta a segno, da sedere al suo focolare intantochè dimenavano la polenta. E poi, uscita di là, la sola memoria di quel bisunto e ipocrita sagrestano le destava raccapriccio. Ma non sapeva resistere a un’occhiata di adulazione. La signora Veronica s’era accorta di questo; e di antipaticissima che le era dapprincipio, avea saputo renderlesi sopportabile e quasi cara, a forza di piacenteria. Figuratevi qual perfezionamento di educazione fu per lei l’interessata indulgenza di quest’aja da trivio! Avea finito per entrarle in grazia col farle addirittura da mezzana, ed era essa che correva ad avvertirla, e faceva scappare Giulio Del Ponte per la parte delle scuderie, quando il conte o monsignore si svegliavano prima del solito. La Faustina, rimasta a Fratta come cameriera, non le era miglior compagna. Queste mezze vesticciuole cittadinesche ridotte a vivere in campagna, diventano maestre di vizii e di corruzione; e la Faustina peggio forse di molte altre, perchè ve la tirava il temperamento tutt’altro che modesto. La complicità della padrona le sembrava la miglior arra d’impunità; e potete credere se la aiutava con zelo, e se la eccitava colle suggestioni e coll’esempio!

Io mi maraviglio ancora che non nascesse sotto gli