Apri il menu principale

RIME

La morte, che due fonti
Fatto ha di lagrimar gli occhi miei lassi.
     Ohïmè, Morte! sin che non ti scolpa,
Dimmi almen per li tristi occhi miei:60
Se tua man non mi spolpa,
Finir non deggio di chiamar omei?

(Corretta su l’edizion giuntina e su la lezione datane dal Fraticelli nelle Rime apocrife di Dante, ed. cit.)



CIII

A DANTE ALIGHIERI


     Dante, io ho preso l’abito di doglia,
E innanzi altrui di lagrimar non curo;
Che ’l vel tinto ch’io vidi e ’l drappo scuro
D’ogni allegrezza e d’ogni ben mi spoglia;
     Et il cor m’arde in desiosa voglia5
Di pur doler mentre che ’n vita duro;
Tal ch’Amor non può rendermi sicuro,
Ch’ogni dolor in me più non s’accoglia.
     Dolente vo pascendo i miei sospiri,
Quanto posso inforzando 'l mio lamento10
Per quella in cui son morti i miei desiri.
     E però se tu sai nuovo tormento,
Mandalo al desioso de’ martìri,
Che fìe albergato di coral talento.




CIV

AL MEDESIMO


     Signor, e’ non passò mai peregrino
O ver d’altra maniera viandante
Con gli occhi sì dolenti per cammino
Ne così greve di pene cotante;


— 125 —