Pagina:La scotennatrice.djvu/146

142 emilio salgari


Gli occhi ardenti di Minnehaha si fissarono su Harry e su Giorgio ed un lampo crudele li illuminò.

― Quei due ― disse, puntando prima sull’uno e poi sull’altro la destra ― mi ricordano la notte tragica della gola del Funerale.

«L’Uccello della Notte, mio fratello, figlio di mia madre e dell’esecrabile uomo bianco, non è stato ancora completamente vendicato.

«Sedici erano sfuggiti alla strage e quattordici sono le capigliature che io tengo nel mio wigwam. Avrò anche le due ultime che mancano alla mia collezione.

Mister Turner ― disse Harry ― avevate ragione di diffidare di queste canaglie. Dopo la capigliatura di John avrebbero prese anche le nostre.

Il campione degli uccisori d’uomini si limitò a fare un gesto affermativo.

― Non vi era altro da attendersi ― disse Giorgio, il quale non appariva affatto commosso, come del resto non lo era suo fratello.

Abituati a tutte le crudeltà, a tutte le terribili vicende, alle quali vanno soggetti gli scorridori che cacciano e combattono sulle frontiere indiane, da lungo tempo sapevano che un giorno o l’altro avrebbero finito col lasciare la loro capigliatura nelle mani delle pelli-rosse. Una cosa solo forse li impressionava irresistibilmente: gli orrendi martirî del palo della tortura.

Minnehaha, dopo d’aver dato un altro sguardo ai prigionieri, fermò la sua attenzione su Turner.

Stava per interpellarlo quando un uomo bianco, semi-nudo, che aveva sul petto dei disegni neri e rossi che volevano rassomigliare ad un bersaglio, si precipitò fuori dal wigwam agitando furiosamente le braccia.

― Ecco mie canaglie!... ― urlò. ― Io vi avere finalmente trovati!... Birbanti!... Voi rendermi mie sterline!... Io non avere ucciso molti bisonti!...

Era lord Wylmore.

― Ah!... Anche voi vi mettete contro di noi!... ― gridò John, furibondo. ― Un bandito ed un lord alleati delle pelli-rosse, e tutti e due siete delle pelli bianche!...

― Voi essere birbanti tutti!... Tutti!... ― urlò l’inglese.

― Anch’io, milord? ― chiese ironicamente Turner.

Lord Wylmore gettò uno sguardo sul campione degli uccisori d’uomini, uno sguardo pieno di disprezzo, poi disse:

― Io non conoscere voi. Essere probabilmente anche voi poco di buono. Tutti birbanti nella prateria.

― Allora, milord, ho l’onore di presentare nella mia persona l’ex-sceriffo di Gold City, ed ho pure l’onore di dirvi, nella mia qualità di magistrato, che questi uomini sono i più leali scorridori della grande prateria americana.