Apri il menu principale

— 135 —

si vigilava; sentiva la sua coscienza desta, pronta a sorreggerlo.

— Basta passare questa notte senza vederla, e sono salvo.

Se qualcuno riuscisse a trattenerlo! Se il vecchio si sollevasse e gli afferrasse l’orlo della veste!

Tornò a sedersi, cercò di prender tempo. Il sole era già caduto sopra la linea estrema dell’altipiano, e lassù i tronchi delle querce si disegnavano, sullo sfondo rosso dell’orizzonte, come le colonne di un portico sormontate da una grande cornice nera. Neppure la morte turbava la pace di quella grande solitudine.

Paulo si sentiva stanco, e, come la mattina ai piedi dell’altare, avrebbe voluto stendersi sulle pietre e addormentarsi.

Intanto la guardia aveva per conto suo preso una decisione; s’era a sua volta inginocchiata presso il moribondo e gli mormorava qualche cosa all’orecchio. Il nipote guardava sospettoso, ma anche un po’ ironico. S’avvicinò al prete e gli disse:

— Adesso che avete fatto il vostro do-