Pagina:La buffa.djvu/94


                          io sorrisi, contro voglia...
                          io sorrisi... e lui comprese,
                          mi guardò con gli occhi neri,
                          scalcinato come sempre,
                          disarmato, senza elmetto
                          quasi a dirmi: «Proprio io!
                          Vedi un poco se io sono
                          caporale o cuciniere!»
                          E di un balzo risoluto,
                          si levò sulla trincea,
                          se ne stette ritto, in piedi,
                          con le braccia incrociate.

                          Le vedette videro l'ombra,
                          come un razzo che si leva
                          una notte senza luna,
                          e sentimmo tutti una voce.
                          più forte delle mitraglie,
                          più forte delle bombarde:
                          corremmo alle feritoie.



93 —