Pagina:La buffa.djvu/55


            che c'era entrato per primo.
            Ma sorse allora un austriaco,
            più grande di un granatiere,
            si levò con il fez rosso
            gridando: «Urrà, urrà!»
            Certamente era onorato
            di servire l'imperatore,
            e di essere di scorta
            ai lucenti e bei cannoni.
            Il sergente Perna, piccino,
            con gli occhi color di fuoco,
            barcollò, aprì le braccia
            e disse:
                          «Ragazzi, coraggio!»
            E tosto anche l'austriaco
            si curvò come una quercia
            dal tronco forte, nodoso,
            schiantato dalla bufera!
                          Gli volli arrestare il sangue,
                          ed egli mi disse: «brate»


                    — 54