Pagina:La buffa.djvu/52


                          «Vai abbasso,
                          a farti medicare!»
            Ed io mi stesi allora,
            non mi pareva vero,
            vicino a dei graticci,
            aspettando i portaferiti.

            E arrivaron con la barella,
            mi ci stesi, chiusi gli occhi,
            e cominciai a sognare
            di essere portato
            lontano, in una barca,
            in mezzo al mare più bello
            del golfo di Sorrento,
            e poi, di stare ancora
            a Napoli, a Toledo...
            di fumare una macedonia,
            di bere una ghiacciata,
            quando ad un tratto una Voce
            mi sveglia dal torpore:



51 —