Pagina:La buffa.djvu/44


                          e ancora che c'era Trieste
                          più bella di Gorizia.

                          E i soldati mi ascoltavano,
                          come i bimbi il cantastorie,
                          qualcuno la bocca aperta,
                          ed altri gli occhi socchiusi,
                          lentamente, s'addormentava
                          sognando un focolare
                          per riscaldarsi le ossa,
                          o per fumare la pipa,
                          e tante faccie care,
                          sedute tutte all'ingiro,
                          che parlavano delle vacche,
                          dei cavalli e del «ricolto».

                          Così passavano le ore
                          in mezzo alla pioggia d'autunno,
                          aspettando qualche cosa
                          che nessuno sapeva dire.



43 —