Pagina:La buffa.djvu/43


                          s'aspettavan le marmitte
                          e arrivavano le granate.
                          Seduto in mezzo alla pioggia,
                          parlavo con i soldati:
                          dicevamo della guerra,
                          se si doveva fare...
                          che c'erano gli imboscati...

                          e se si ritornava,
                          allora appena, allora...
                          Ogni tanto li interrompevo:
                          dicevo del dovere
                          che aveva ogni soldato,
                          di obbedire silenzioso
                          di servire il suo paese;
                          dicevo che c'era un trentino
                          che si chiamava Battisti,
                          che c'era un romagnolo,
                          Benito Mussolini;
                          che una volta avevo una casa
                          una mamma, una ragazza;


                    — 42