Pagina:La buffa.djvu/150


                          Ho letto: scrivevi dal carcere,
                          mentre morivi di fame,
                          l'oro della tua anima
                          non perdeva tra il letame,

                          scrivevi: «Fatevi animo,
                          chè sono di buon umore,
                          e ditelo anche a mia madre,
                          che non muoia di crepacuore!»

                          Amico, amico Gigi,
                          ti dico tutto il mio amore:
                          a volte t'ho invidiato
                          la gloria del tuo dolore!



149 —