Pagina:La buffa.djvu/117


LA CANZONE DI LAVEZZARI


                          Il 24 maggio,
                          la notte della guerra,
                          Giuseppe Garibaldi
                          uscì di sotto terra.

                          E andò da Lavezzari,
                          che si beveva il vino;
                          gli disse: «Lavezzari,
                          vecchio garibaldino,

                          Lavezzari, vecchio fante,
                          è scoppiata un'altra guerra,
                          ma io non posso andarci:
                          perche sono sottoterra.

                          Camerata di Bezzecca,
                          mio vecchio portabandiera,
                          va’ te sul Podigora,
                          e porta la mia bandiera!»


                    — 116