Pagina:La Donna e i suoi rapporti sociali.djvu/203


198

Quando poi concorrano alla tutela due bisavoli della linea materna, questi, subendo solidariamente colla madre lo spregio della legge per lei, vengono abbandonati all’arbitrio del consiglio di famiglia, che eleggerà fra i due (§259).

Ed ecco come la legge onora il carattere materno! Ella non suppone neppure spontaneamente che la madre sia capace di tutelare i suoi figli (chè in quanto a diritto ne è ben raro questione quando degna occuparsi della donna). Ella accetta la decisione del marito defunto, o dell’avo, o del bisavo, che tutti camminano innanzi alla madre, e la tollera tutrice, purché però a sua volta tutelata. Nell’azione sua la madre tutrice inciampa ad ogni passo nei meticolosi se e ma del leguleio. Fra lei ed il suo pupillo la legge pone costantemente od il consulente speciale, od il consiglio di famiglia, o i due prossimi parenti, o le informazioni del prefetto.

Ed ecco in qual modo la legge sa appoggiare i suoi stessi precetti! Davanti alla disistima che voi fate della maternità, davanti alla sanzione della materna incapacità che voi suggellate ad ogni paragrafo dei vostri codici, davanti alla spogliazione d’ogni diritto primitivo ed ingenito sulla persona della donna madre, chè cosa significa, di grazia, o legislatori, quell’art. 210 nel quale dite al.figlio; «in qualunque età, stato e condizione ti trovi, onora e rispetta i tuoi genitori?»

Dite da senno, signori miei? E chi sono i vostri genitori? Voi certo intendete il padre, l’avolo, il bisavolo, e l’arcavolo paterno, non già la madre, che non vedo che in rapporti indirettissimi e fortuiti con questi figli, dei quali si dispone in ogni verso senza nessuno intervento suo.

L’allievo dei vostri codici non conosce sua madre! Ella non è, e non può essere per lui che