Apri il menu principale

il nuovo mondo della fisica moderna 47


numero di partite a carte decrescerà secondo l’esatta legge del processo radioattivo a una condizione, che le carte siano mescolate bene tra un turno e l’altro. Se si mescolano le carte sufficientemente bene, il passare del tempo non significherà nulla per i giocatori di carte, perchè la situazione si rinnova sempre ogni volta che le carte vengono mescolate. Così che la percentuale delle morti sarà costante come per gli atomi di radio. Ma se si riprendono le carte, semplicemente, dopo ogni turno, senza mischiarle, ciascun turno inevitabilmente sarà condizionato dal precedente e avremo l’analogo dell’antica legge di causalità. Allora la legge di diminuzione del numero dei giocatori sarà differente da quella realmente osservata nella disintegrazione radioattiva. Noi possiamo riprodurre questa, semplicemente supponendo che le carte siano continuamente mischiate, e colui che mischia può essere quello che chiamiamo il fato.

Così, sebbene noi siamo ancora lontani da una conoscenza positiva, sembra possibile che vi possa essere qualche fattore, per il quale noi non troviamo nome migliore di quello del fato, che opera in natura per neutralizzare la ferrea necessità della legge antica di causalità. Il futuro non può essere inevitabilmente condizionato dal passato come noi pensiamo; in parte almeno egli resta sulle ginocchia di un dio, qualunque egli sia.