Apri il menu principale

Pagina:Italiani illustri ritratti da Cesare Cantù Vol.2.djvu/99


vincenzo monti 89

Apriti, o Alpe, ei disse, e l’Alpe aprissi,
     E tremò dell’eroe sotto le piante....
Liete da lungi le lombarde valli
     Risposero a quel mugghio, e fiumi intanto
     Scendean d’aste, di bronzi e di cavalli.
Levò la fronte Italia, e in mezzo al pianto,
     Che amaro e largo le scorrea dal ciglio,
     Carca di ferri e lacerato il manto,
Pur venisti, diceva, amato figlio....
     L’eroe.... alla vendetta del materno affanno,
     In Marengo discese fulminando.
Mancò alle stragi il campo, e l’alemanno
     Sangue ondeggiava, e d’un sol dì la sorte
     Valse di sette e sette lune il danno.
Dodici rôcche aprir le ferree porte
     In un sol punto tutte, e ghirlandorno
     Dodici lauri in un sol lauro il forte.


Il Monti indugiossi a Parigi nella lusinga d’una cattedra al Collegio di Francia, ma denunziato come nemico al nome francese e lodatore del Suwarow1, non ottenne se non 500 franchi, quasi di limosina.

Tornò dunque all’Italia, e la salutò con quei versi, che tutti ricantammo quanti abbiam mangiato il pane dell’esigilo:

Bella Italia, amate sponde,
     Pur vi torno a riveder!
     Trema in petto e si confonde
     L’alma oppressa dal piacer.
Tua bellezza, che di pianti
     Fonte amara ognor ti fu,
     Di stranieri e crudi amanti
     T’avea posta in servitù.

  1. Un suo biografo nega che avesse cantato Suwarow. Certo però nel 99 passava per suo un sonetto che comincia:

    Vieni, o sarmata eroe; vieni, e le braccia
         Stendi all’Italia desolata e nuda;
         Se disarmar lasciossi, arme si faccia
         Del petto, e il prisco suo valor dischiuda.
    Vieni, e dai lidi suoi gli empi discaccia,
         Che di donna la fêr cattiva e druda, ecc.