Apri il menu principale

Pagina:Italiani illustri ritratti da Cesare Cantù Vol.1.djvu/162

142 illustri italiani


De divinatione, libri II. — Continuazione o appendice dell’opera precedente, e documento pregevole per l’istoria delle idee del secolo. Cicerone vi esamina con piena libertà le pratiche divinatorie allora in uso, con stile chiaro, vivo, arguto, ingegnoso, e con un argomentare più calzante che nelle altre opere.

L’edizione principe è nella raccolta di Sweynheim e Pannartz (Roma, 1471); la migliore è quella di Creuzer, Kayser e Moser (Francoforte, 1828).

De fato liber singularis. — Frammento di un dialogo per integrare le due opere antecedenti sulla teologia speculativa.

•• De Auguriis — Auguralia. — Pochissimo ne sappiamo.


II. — Orazioni.

Cronologia.


Pro P. Quinctio (Anno 81 av. C.)
Pro S. Roscio Amerino (80).

Pro muliere aretina e Pro Caecina (33).

Pro Q. Roscio comœdo (76).
Pro adolescentibus siculis (75).

••

Quum quæstor Lilybeo decederet (74).

Pro Scamadro (74).

••

Pro L. Vareno (71).

Pro M. Tullio (71).
Pro C. Mustio (70); non mai pubblicata, secondo il pseudo Asconio.
In Q. Cæcilium (70).
In Verrem actio prima (5 agosto 70).
In Verrem actio secunda; non recitata.

Pro M. Fontejo (69).
Pro A. Cæcina (69 probabilmente).

••

Pro P. Oppio (67).
Pro lege Manilia (66).

•••

Pro C. Fundanio (66).
Pro A. Cluentio Avito (66).

••

Pro C. Manilio (65).

Pro L. Corvino (65).

••

Pro C. Cornelio. Due orazioni (65).

Pro C. Calpurnio Pisone (64).

••

Oratio in toga candida (64).

••

Pro Q. Gallio (64).