Pagina:Istorie dello Stato di Urbino.djvu/332


Libro Terzo. 109