Pagina:Istorie dello Stato di Urbino.djvu/285

62 Di Corinalto ne i Senoni.

CAPITOLO XV.

Come Corinalto non volendo sottomettersi all’obedienza di Francesco Maria della Rovere Duca d’Urbino, fù da lui assediato.


Nel tempo, che Selimo Ottomano Imperatore de' Turchi dilatò il suo barbaro Imperio, con la vituperosa morte di Tomombeo Circasso, dell'Egitto Soldano, facendo violente acquisto di quel gran Regno: e che il perfido Lutero ergè contra la Romana Chiesa le superbe corna, disseminando in Alemagna godmi pestiferi, che à punto correva l'Anno della nostra Salute 1517. (per la testimonianza d'ogni Cronista, che scrisse i fatti memorabii di quell'età infelice) ...