Apri il menu principale

Pagina:In Valmalenco - Noli Giuseppe, 1907.djvu/244


— 242 —

ti leggo quel mio articolo sulle ricchezze valtellinesi che ho promesso al giornale. Vuoi?”

“Per bacco!”

Ci buttammo sull’erba.

Dalla conca saliva il soffocato strepitare del fiume; al di là, fra gruppo e gruppo d’alberi biancheggiava Chiesa, sopra ergevasi il grande albergo e, in cima alla sinuosa linea del poggio, a piè dei Corni per nulla minacciosi, spiccavano Primolo e i tetti di qualche frazione sperduta fra i pini.

Or sì, or no, per il moversi lento delle rame, apparivano anche i villini Pesenti, fra Chiesa, l’albergo e la torreggiante farmacia Racchetti. Dipinti a striscio colorate, che la lontananza velava, e circondati dalle verande fresche e fiorite, essi graziosamente superavano il poggio e l’elegante semplicità della costruzione spiccava, nitida ed armonica, sul verdeggiar dello sfondo.

“Guarda,” dissi all’amico mio, accennandogli i villini d’affitto, “non sono piccoli paradisi terrestri?”

“Davvero!” rispose Piero ammirando.

Ma il vento scosse, e scompigliò le rame degli alberi; la visione scomparve e l’amico mio cominciò a leggermi l’articolo promesso:

Il treno elettrico che risale la valle dell’Adda da Colico fino a Tirano, tenendosi per quasi l’intero percorso sulla sponda destra del fiume ed a ridosso della catena di monti che si estende dalla Valle del Mera alla Val di Poschiavo. sembra al viaggiatore, sporto curioso dal fi-