Apri il menu principale

Pagina:In Valmalenco - Noli Giuseppe, 1907.djvu/234


— 232 —


Se la montagna fosse stata una persona l’avrei schiaffeggiata; era così indifferente, frapponeva una continuità tale di piccoli ostacoli alla mia marcia, mi soprastava sempre con la sua cresta superba, che si veniva svelando mano mano, e mi rendeva così pigmeo, così imbelle, che tutto l’essere mio reagiva in un’ansietà di dominio; volevo calpestare la vetta ch’era stata tanto restía [immagine da inserire] a concedersi, ridere a mezzo il varco guardando l’opposto versante: se la stanchezza, l’abbattimento avessero dovuto aver ragione delle mie forze, non per ischerzo, mi sarei ammalato d’itterizia.

Per fortuna e per costanza ciò non avvenne.

Sotto me, lìnalmente, apparve la conca, a pini a dossi, verde, bellissima: un vero giardino in-