Pagina:Il libro dei versi (1902).djvu/39


Il libro dei versi-040.jpg


UN TORSO




Quel torso era una Venere
Che un arcaïco scalpello
Creò ne’ suoi più fervidi
Morsi d’amor col Bello;