Pagina:Il libro dei versi (1902).djvu/185

174 LEGGENDA SECONDA

Passata è la lapide. - Sull’oro del feretro

V’è un picciolo buco,

E l’orrido bruco

Già in quel si cacciò.

30Passato è già il feretro. - Sul lin del sudario

V’è un picciolo buco,

E l’orrido bruco

Già in quel si gittò.

Passato è il sudario. - V’è dentro un cadavere!

35Già il verme lo tocca!

Gli sputa sul teschio!
Gli morde la bocca!
Già il morto terribile

L’avello spezzò.

40Re Orso

Ti schermi
Dal morso

De’ vermi.

Lontan fra le tenebre
45Un urlo tuonò.


Il libro dei versi-186.jpg