Pagina:Il libro dei versi (1902).djvu/173

144 LEGGENDA SECONDA


Erta sta come cariatide
La metallica figura,
Eppur, mentre il ciel s’oscura,
Par che un poco oscilli al vento.
Che sarà? Terror! Spavento!!
O miracolo! miracolo!...
Restò vuota l’armatura!!!

E come fu?

Nessun si graffii

La cuticagna;
Rimase il guscio
Della castagna,
E Belzebù

Mangiò il marron.


Sta la folla in ginocchion.



Il libro dei versi-174.jpg