Pagina:Il libro dei versi (1902).djvu/167

144 LEGGENDA SECONDA


Nessun si graffii
La cuticàgna;
Rimase il guscio
Della castagna,
E Belzebù
Mangiò il marron,
Ch’era un dimon.


Il libro dei versi-168.jpg