Pagina:Il Catilinario ed il Giugurtino.djvu/250


VI.


LETTERA


DEL RE MITRIDATE AL RE ARSACE


volgarizzata


DA BRUTO FABRICATORE


ARGOMENTO.


Essendo stato Mitridate privato del suo regno da Lucullo, ed essendosi quegli ricoverato appresso Tigrane in Armenia, ed essendo stato vinto costui ancora e spogliato del suo regno, i Romani passarono a far guerra ad Arsace re de’ Parti. Però Lucullo da una parte, e Tigrane e Mitridate dall’altra, chiedevano ad Arsace che con esso loro dovesse confederarsi. Il perchè Mitridate gli scrive questa lettera.


Re Mitridate a re Arsace salute.


Tutti coloro che, stando in prosperità, sono invitati a confederarsi per far guerra, deono innanzi tratto considerare se allora lor sia lecito di stare in pace; poi, se quello, di che son richiesti, abbastanza giusto, sicuro, glorioso, o turpe sia e vituperevole. Tu di perpetua pace goder potresti, se nemici non avessi presti ed apparecchiati a nuocerti e scelleratissimi: se opprimer potessi i Romani, grande gloria te ne verrebbe. Io non ardirei di chieder la tua confederazione, e spererei indarno di mischiare i miei mali con le tue felicità; ma l’ira che in te ha dovuto accender la


--


caricamento di la:Page:s1 in corso... Loading.gif