Pagina:Il Catilinario ed il Giugurtino.djvu/240


frammenti 189

che ponghiate mente, affinchè non mi costringiate a provvedere da me a’ miei bisogni. Chè la Spagna di qua, da’ nemici lasciata, noi e Sertorio abbiam guasta e distrutta, salvo le città di mare, le quali ci sono piuttosto di dispendio e d’aggravio. La Gallia, che nel passato anno somministrò danaro e vettovaglie all’oste di Metello, ora per malvage ricolte a mala pena può sè sostentare. Ed io non pure il patrimonio vi ho perduto, ma il mio onore ancora. Voi soli mi restate; i quali se non mi soccorrete, contro il voler mio, che ora vel predico, di qua verrà in Italia l’esercito, e coll’esercito tutta la guerra di Spagna.


caricamento di la:Page:s1 in corso... Loading.gif