Pagina:Il Buddha, Confucio e Lao-Tse.djvu/625




Nella lettura delle parole cinesi, secondo il dialetto mandarinico settentrionale, si osservi inoltre che:


k, quando precede la vocale i ha il suono italiano del c nelle parole cigno, cilicio, cece.

h, quando precede le vocali a, e, o, u, vien pronunziata con aspirazione così forte, che si avvicina alla gutturale k; quando precede i, ha un suono sibilante tra il ch francese e l’s.

ts e ths hanno sempre un suono che è tra la z dolce e il ç.

eu, ne’ monosillabi ceu, teu, heu ecc., si pronunzi sempre come ou.

ng finale ha un suono poco diverso dalla finale n.