Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/87


Guardando en quello spechio, — vidde mia temperanza:
era una lascivanza — esfrenata senza frino;
gli moti de la mente — non ressi en moderanza,
lo cor prese baldanza — voler le cose em pino:
copersene un mantino, — falsa discrezione,
32somerse la ragione, — a chi fo data a servire.
Guardando en quello spechio, — vidde la mia forteza:
pareame una matteza — de volerne parlare,
ca non glie trovo nome — a quella debeleza;
quanta è la fieveleza — non so donde me fare:
retornome ad plorare — el mal non conosciuto,
38virtute nel parato — e vizia latère.
O false opinione, — corno presumevate
l’opere magagnate — de venderle al Signore?
En quella luce divina — poner deformitate
seria grande iniquitate, — degna de gran furore:
partanne da sto errore, — ché non glie piace el mio,
44’nante li sconza el sio — quando’l ce voglio unire.
Iustizia non può dare — ad om ch’è vizioso
lo regno glorioso, — ché ce seria spiacente:
ergo chi non si sforza — ad esser virtuoso,
non sera gaudioso — con la superna gente;
e non varria niente — buon loco a lo ’nfernale,
50ed al celestiale — luoco nogl può nuocere.
Signore, haime mostrata — nella tua claritate
la mia nichilitate — ch’è meno che niente:
de questo sguardo nasce — sforzata umilitate
legata de vilitate, — voglia non voglia sente;
l’umiliata mente — non è per vii vilare,
56ma en virtuoso amare — vilar per nobilire.
Non posso esser renato — s’io en me non so morto;
anichilato en tutto, — el esser conservare
del nichil glorioso: — nul om ne gusta frutto
se Dio non fa’l condutto, — ché om non ci ha que fare;
o glorioso stare: — en nihil quietato,
62lo ’ntelletto posato, — e l’affetto dormire!