Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/82


XXXVII

De la. castitá, la quale non basta a l’anima
senza l’altre virtute

O castitate, fiore — che te sostene amore.
O fior de castitate, — odorifero giglio
con molta soavitate, — sei de color vermiglio,
4 ed a la Trenetate — tu representi odore.
O specchio de belleza, — senza macchia reluce;
la mia lengua è mancheza — de parlarne con voce:
i’alma serve en netteza, — senza carnai sozore.
O luce splendiante, — lucerna se’ preclara,
da tutti si laudante — ed en pochi si cara;
io li tuoi dolce sembiante — piacevel so’al Signore.
O tesauro invento, — che non te può stimare
né auro né argento, — non te posso aprezare;
qual omo de te sta lento, — si cade en gran fetore.
O ròcca de forteza, — en la qual è gran tesoro,
de fore si pare aspreza — e dentro è mèl savoro;


16 non se ce voi pigreza — a guardare a tutt’ore.
O manna savorita — che è la castitate:
l’alma conserva zita — con molta adornetate;
poi che del corpo è’scita — si trova el suo Fattore.
Alma, che vai a marito — de castitate ornata,
lo tuo marito è zito — e tu te se’ ben portata:
22 lo cielo te sera aprito — e fattote grande onore.
Alma, che stai’narrata — de lo sposo diletto,
servate ben lavata, — el tuo volto stia netto,
ché non si’ renunzata, — e fattote descenore.
Alma, non t’ è bastanza — pur sola una gonella:
se non ci hai piú adornanza, — giá non ce parrai bella;
28 ne l’altre virtute avanza, — che te dian bel colore.