Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/71


XXXIII

De l’amore falso che offende le virtú

Amor contrafatto, — spogliato de vertute,
non può fare le salute — lá’v’è lo vero amare.
Amor si fa lascivo — senza la temperanza;
nave senza nuchiero — rompe en tempestanza:
cavallo senza freno — curre en precipitanza:
6si fa la falsa amanza — senza vertute andare.
Amor che non è forte, — mortai ha enfermetate;
l’aversitá l’uccide, — pegio en prosperitate,
l’ipocrite mostranze — che for, per le contrate,
mostravan santetate — de canti e de saltare. io
Amor che non è iusto, — da Dio è reprovato:
parlando va d’amore — che sia de grande stato;
la lengua ha posta en cielo, — lo cor è aterrenato:
14vilissimo mercato — porta chi voi mostrare.
Amor che non è saggio — de prudenza vestito,
non pò veder gli eccessi, — però ch’è ensanito:
rompe legge e statuti — ed omne ordenato rito,
18dice che è salito — a nulla legge servare.
O amor enfedele, — errato de la via,
non repute peccato — nulla cosa che sia;
va seminando errori — de pessima resia:
22tal falsa compagnia — onom degia mucciare.
Amor senza speranza — non viene a veritate:
non pò veder la luce — chi fugge claritate;
co pò amar lo cielo — chi en terra ha sua amistate
26non dica libertate — om senza legge stare.
O caritate, vita, — ch’ogn’altro amor è morto,
non vai rompendo legge: — nante, l’observe tutto,
e lá’ve non è legge — a legge l’hai redutto;
30non pò gustar lo frutto — chi fugge el tuo guidare.
5Fra Iacopone.