Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/67


XXX

De la iustizia e falsitá

Solo a Dio ne possa piacere, — non me ne curo
ciò che l’umana natura ne vuol dire.
Se san Iovanni Baptista revenesse — a repigliar el torto,
ancora mo siria chi l’uccidesse: — ché ’l mondo è en tal porto,
ca li farisei son revenuti
6ca prò vertute — Cristo fier morire.
Li farisei eran reliosi, — ch’erano en quel ore:
ne lo lor cor erano invidiosi, — pieni de rancore;
mostravase che non volea onore,
ma lo lor cor — era en quel desire. io
O falso relioso, or me respundi — che ’l cor hai enfiato:
l’umile per superbia confundi — ed ha’ ’l quasi affollato;
e crucifigi Dio ne l’alma sia,
14con diciria — el fai quasi morire.
Lèvite en alto e faime gran sermone — c’ ho l’occhio turbato:
tienimi a schierne, ché non vedi el travone — che hai nel tuo
en prima si procura tua ferita, [ficcato;
18ch’eli’è si aprita, — non se pò coprire.
Poi ch’ hai parata assai de la Scrittura, — si voi predicare:
mostreme che la mia vita è scura, — la tua non voi cercare;
e mostreme da fuor tutto ’l megliore:
22non t’è en amore — chi dentro voi sapere.
La relion te dá una ensegna — co se fa al balio:
ma quel che dal suo officio s’enfegna, — la corte el voca rio;
ed una gran catena glie mette en canna,
26che onom banna — e vengal a vedere.
Ch’aggio paté si iusto e beato, — somene ensuperbito:
ma quanto da sua vita so delongato, — al mondo s’è scoprilo;
colui che ne la neve fa sozura,
30la sua fattura — se vorrá bannire.