Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/66


Guidardone adimando per Dio, —
acconciando ce vo el ditto mio:
23ma molto me par che sia rio — colui che me dá comiato.
Comiatato, si mostro l’anvito — che so scalzo e mal vestito:
el corpo mostro afrigolito — perché del suo me sia dato.
A quello che covelle me dona, — mostroglie lieta persona,
27ma molto m’agrondo se sona — la voce che sia allecerato.